Logo miaValtellina.it

Vacanze in Valtellina, Lombardia

Valtellina: la zona e le località

La Valtellina è una vasta area alpina in provincia di Sondrio delimitata a nord dal Cantone dei Grigioni (Svizzera), a sud dalle montagne delle Prealpi Orobie nelle province di Bergamo e Brescia, ad ovest ancora dal Cantone dei Grigioni e dall'alto Lago di Como (province di Como e Lecco) e ad est dalle alte cime della porzione trentina e altoatesina del Gruppo Ortles-Cevedale. Si tratta di una valle estremamente lunga che si estende in direzione ovest-est per circa 200 km fra il Lago di Como e il Passo dell'Aprica, con un'escursione di altitudine che va dai 200 m del suddetto lago ai 4049 m del Piz Bernina. Ed è proprio tale cima che si erge sopra Sondrio alla fine della Valmalenco, circondata da vasti ghiacciai con panorami alpini mozzafiato, a catalizzare l'attenzione degli escursionisti ed alpinisti che frequentano la Valtellina. Le differenti quote delle aree intorno alla valle determinano una grande varietà di ambienti, che passano dalle coltivazioni di mele e frumento del fondovalle, ai terrazzamenti di vigneti delle medie pendici montuose, ai fitti boschi di abeti, ai verdi prati degli alpeggi costellati di caratteristiche malghe, alle spettacolari cime montuose che emergono dai candidi ghiacciai.
L'area turistica della Valtellina si può suddividere in cinque aree principali: la zona di Morbegno nella bassa valle, l’area della media Valtellina intorno al capoluogo Sondrio ove è ubicata la splendida Valmalenco, l’area di Tirano a est di Sondrio e l'Alta Valtellina a nord di Tirano con il centro di riferimento Bormio arrivando poi fino a Livigno. Seppur orograficamente non rientri nel territorio valtellinese, turisticamente si può includere ai sopracitati cinque settori della Valtellina, l’incantevole Valchiavenna con la principale località sciistica di Madesimo. Tra Valtellina e Valchiavenna sono numerose le località turistiche che attraggono visitatori, in particolare i centri più grandi come Morbegno, Sondrio, Tirano, Bormio, Livigno, S. Caterina Valfurva e Madesimo, ma anche i paesi più piccoli come Valdidentro, Valdisotto, Teglio (Tellius in latino, da cui deriva il nome della Valtellina) ed Aprica e le splendide valli laterali quali la Val Masino, la Valmalenco e la Val Gerola.

Estate

Le montagne valtellinesi in estate offrono numerose possibilità di attività all'aria aperta per escursionisti, alpinisti, bikers, climbers e scialpinisti. Sono davvero infinite le possibilità di escursioni alpine lungo le centinaia di chilometri di sentieri, dalle facili passeggiate nei boschi alle salite più impegnative sulle innumerevoli vette che circondano la Valtellina. Fra queste spiccano le grandiose cime del Pizzo Badile (3308 m), del Pizzo Cengalo (3367 m), del Monte Disgrazia (3678 m), del Piz Morteratsch (3751 m) e della massima elevazione: il Piz Bernina (4049 m). Anche le valli minori, come la Valchiavenna, la Valmalenco, la Val Masino e la Val Gerola, offrono itinerari per tutti i gusti, dalle vette poco frequentate al paradiso dell'arrampicata e del boulder in Valmalenco e Val Masino. Gli appassionati di natura troveranno di grande interesse le aree protette, come l'ambiente incontaminato del Parco delle Orobie Valtellinesi, il Parco delle incisioni rupestri di Grosio in cui conoscere la storia valtellinese più antica, l'Osservatorio Eco-Faunistico Alpino di Aprica e la Riserva Naturale di Pian Gembro, una riserva botanica con una torbiera che risale all’ultima glaciazione di circa 10.000 anni fa. Molto frequentate sono anche le sorgenti termali calde, una ai Bagni di Bormio ed una ai Bagni di Masino, in cui sono presenti quattro stabilimenti termali.

Gli amanti dell’enogastronomia non potranno perdere l’occasione di assaggiare i "pizzoccheri", il piatto tipico per antonomasia della Valtellina originario di Teglio, a base di pasta con farina di grano saraceno, patate, verze e formaggio; il "Bitto", il tipico formaggio DOP valtellinese con latte di mucca e capra prodotto esclusivamente nei mesi estivi nei pascoli d’alta quota; la "polenta taragna", preparata con farine miste di mais e di grano saraceno rigorosamente macinate a pietra, con aggiunta in cottura di pezzi di formaggio o la "bresaola", il salume IGP tipico della Valtellina ottenuto da carni di manzo salate e stagionate.

Inverno

In Valtellina sono presenti numerose e rinomate stazioni sciistiche, fra cui spiccano Bormio 2000 e 3000, e Livigno. La ski area di Livigno, posta su un altipiano a 1800 m di quota sul confine tra Italia e Svizzera, è sicuramente una delle più vaste ed apprezzate aree sciistiche di tutta la Valtellina. Numerose anche le aree dedicate allo snowboard, all'half-pipe, al boarder/ski-cross e gli snowpark per grandi e piccoli. Anche la ski area di Bormio è estremamente apprezzata ed offre piste da sci con un dislivello di oltre 1800 metri che permettono di sciare dai 1200 metri dello ski stadium proprio al centro del paese ai 3000 metri della Cima Bianca, dove si trova la stazione Bormio 3000. Completano l'offerta sciistica le ski area di Santa Caterina Valfurva, Valdidentro, Aprica, Teglio, Chiesa in Valmalenco, Caspoggio, Morbegno, Val Gerola e Madesimo-Campodolcino in Valchiavenna.

Valchiavenna

La Valchiavenna è circondata da alte cime, come il Pizzo Badile (3308 m), il Pizzo Stella (3163 m), il Pizzo Tambò (3279 m) e il Pizzo Ferrè (3103 m). Si suddivide in due valli laterali: la Valle Spluga (o Val San Giacomo), che si dirama dal paese di Chiavenna e termina al Passo dello Spluga, e la Val Bregaglia (o Valle del Mera), che da Chiavenna porta al Passo del Maloja, sul confine italo-svizzero. Molto frequentate in inverno sono le splendide piste da sci di Madesimo, raggiungibili con la comoda funicolare che da Campodolcino copre in 3 minuti un dislivello di quasi 650 m.

Morbegno

Morbegno è la città del formaggio "Bitto", che prende il nome dall'omonimo torrente che attraversa la città, e di prestigiosi vini DOC e DOCG, su cui si distinguono le Riserve e gli Sforzati. Posta allo sbocco della Valle del Bitto di Albaredo e della Valle del Bitto di Gerola, Morbegno è il punto di partenza ideale per escursioni sulle Orobie Valtellinesi a sud e sulle cime intorno al Pizzo Badile a nord, nonché ideale per raggiungere la Val Masino, bellissima valle rinomata per l'arrampicata.

Sondrio - Valmalenco

La Valmalenco inizia dalla città di Sondrio e dirige verso nord per circa 15 km. È il punto di accesso a numerose alte vette come il Piz Bernina (4049 m), il Pizzo Zupò (3996 m), il Piz Roseg (3937 m), il Monte Disgrazia (3678 m) e la Cima di Rosso (3369 m). Il paese di Chiesa Valmalenco è una stazione sciistica di prim'ordine che, con i suoi 60 km di piste di Caspoggio e dell'Alpe Palù, è in grado di soddisfare le esigenze di sciatori e snowboarder di ogni livello. Qui è presente la Snow Eagle, la più grande funivia del mondo con una capacità massima di ben 160 persone.

Tirano

Tirano è un importante centro turistico che si trova nel crocevia fra la Strada Statale dello Stelvio e la strada che porta al Passo del Bernina ed in Engadina, in Svizzera. Capolinea della linea ferroviaria Tirano-Sankt Moritz, è il punto di partenza sul versante italiano del famoso treno rosso del Bernina che percorre la spettacolare ferrovia di montagna a scartamento ridotto raggiungendo i 2253 m di quota del Passo Bernina. Il treno è in servizio permanente tutti i giorni dell'anno, anche in inverno con la neve, e garantisce visioni spettacolari e panorami mozzafiato sia in estate che in inverno.

Alta Valtellina

Il centro di riferimento dell'Alta Valtellina è Bormio, rinomata località turistica per le sue storiche terme e per il suo comprensorio sciistico. La zona, con le sue valli laterali e i paesi di Valdidentro, Valdisotto e Valfurva, è definita la "Magnifica Terra" per il clima particolarmente favorevole. Da qui, attraverso il Passo dello Stelvio, si raggiunge la Val Venosta in Alto Adige, attraversando Santa Caterina Valfurva, invece, si arriva al Passo del Tonale che porta in Val di Sole in Trentino, mentre, attraverso Livigno (anch'essa località sciistica di primaria importanza), si raggiunge la Svizzera.